2 L

ENERGIA E RICICLO

 

Classe: …II L..

Denominazione del progetto:… ENERGIA E RICICLO DEI MATERIALI …

Prodotto realizzato: …Power Point, progetto per la realizzazione del plastico di centrale idroelettrica (a.s 2017/18)

Discipline coinvolte:
__ Scienze, Fisica, Matematica

Competenze chiave:
Imparare ad imparare
 acquisire un metodo di studio progressivamente autonomo e funzionale
 utilizzare gli strumenti di lavoro, inclusi quelli informatici e telematici, e le conoscenze in possesso nelle attività di studio e approfondimento e per acquisire nuove competenze
Progettare
 essere in grado di ideare e pianificare un progetto
 essere in grado di formulare ipotesi e sottoporle a verifica
Comunicare
 leggere, comprendere e interpretare testi scientifici
Collaborare e partecipare
 essere in grado di collaborare con gli altri per la realizzazione di uno scopo comune
Agire in modo autonomo e responsabile
 riconoscere il valore delle regole e della responsabilità personale mostrando consapevolezza dei propri diritti e doveri
Risolvere problemi
 acquisire l’abitudine ad identificare problemi, a ragionare con rigore logico ed individuare possibili soluzioni
Acquisire e interpretare
 acquisire e interpretare criticamente le informazioni valutandone l’attendibilità e distinguendo tra fatti e opinioni

Competenze disciplinari:
 sapere effettuare connessioni e stabilire relazioni
 utilizzare le tecniche e le procedure del calcolo aritmetico ed algebrico, rappresentandole anche sotto forma grafica
 analizzare dati e interpretarli sviluppando deduzioni e ragionamenti sugli stessi anche con l’ausilio di rappresentazioni grafiche, usando consapevolmente gli strumenti di calcolo e le potenzialità offerte da applicazioni specifiche di tipo informatico
 comprendere che il metabolismo energetico è l’insieme delle reazioni chimiche che le cellule utilizzano per sintetizzare ATP, con l’ausilio delle nanomacchine cellulari
 conoscere quali vie sono anaboliche e quali sono cataboliche
 comprendere la chemiosmosi
 conoscere le fasi essenziali della conversione dell’energia luminosa in energia chimica (fotosintesi)
 conoscere i principali cicli biogeochimici
 saper descrivere il flusso energetico dei viventi e accoppiarlo al flusso di materia
 conoscere le fonti di energia e le problematiche ad esse connesse

Contenuti:
 conservazione dell’energia
 esperienze di fisica e scienze (attività laboratoriale)
 le risorse energetiche: presente e futuro verso uno sviluppo sostenibile
 le energie alternative
 il problema dei rifiuti solidi urbani: dallo spreco al riutilizzo
 Il grafico della funzione quadratica: la parabola
 il metabolismo energetico: glicolisi, fermentazioni, ciclo di Krebs, fotosintesi
Attività: Studio di processi, tecnologie, norme per il riciclo dei materiali al servizio della società odierna attraverso la catalogazione delle principali fonti energetiche. Analisi delle procedure di riciclo sulla base del tipo di materiale e del tipo di processo industriale. Studio delle trasformazioni energetiche da un punto di vista fisico. Riflessioni sul rapporto uomoambiente nel corso della storia. Studio del metabolismo energetico e del flusso di energia dal sole all’energia chimica delle molecole organiche.
Metodologia: lezione frontale, dialogata e partecipata; letture e ricerche di approfondimento; visione di filmati; lettura e analisi di dati statistici; didattica interattiva, problem solving; didattica laboratoriale; cooperative learning; didattica inclusiva (che tenga conto dei diversi modi di apprendimento e dei livelli di apprendimento raggiunti nonché di inclinazioni, personali interessi e stati emotivi e affettivi).
Tempi:
A.S. 2016-17 e prosecuzione nel prossimo anno scolastico per la realizzazione del plastico
Organizzazione spaziale: aula e laboratori
Strumenti per l’osservazione schede di laboratorio; relazioni di laboratorio; questionari e verifiche orali; lavori di gruppo.
Strumenti per la valutazione:
 Le competenze di cittadinanza sono state valutate valutate mediante le rubriche valutative approvate dal Collegio dei docenti
 Le competenze disciplinari sono state valutate mediante le griglie/rubriche definite nei relativi dipartimenti.

Annunci