1 I

IL COLORE

 

RELAZIONE FINALE

Classe: prima I Denominazione del progetto: Il colore come espressione di vita

Prodotto realizzato: pawer – point

Discipline coinvolte: Italiano, geo/storia, scienze, storia dell’arte, inglese, religione Competenze chiave: imparare ad imparare – acquisire un metodo di studio progressivamente autonomo e funzionale. Progettare – essere in grado di ideare e pianificare un progetto. Comunicare – produrre testi di vario tipo in relazione ai differenti scopi comunicativi Collaborare e partecipare – essere in grado di collaborare con gli altri per la realizzazione di uno scopo comune

Competenze disciplinari: Italiano: la struttura del romanzo e della poesia nelle sue varie tipologie. Scienze: saper descrivere la doppia natura della luce; comprendere la relazione tra radiazione luminosa e struttura anatomica. Religione: riconoscere il linguaggio liturgico per spiegare i contenuti della fede. Arte: saper riconoscere nei vari linguaggi visivi gli effetti espressivi, comunicativi e percettivi del colore. Inglese: saper individuare le procedure per una corretta traduzione

Contenuti: Italiano: Pascoli, Gozzano e i Crepuscolari, la poesia simbolista, il romanzo rosa, giallo, noir. Scienze: la natura della luce, la struttura dell’atomo (caratteristiche generali), attività sperimentale: saggio alla fiamma. Religione: il colore nei tempi liturgici. Arte: identità del colore, le leggi ottiche del colore, i colori dello spettro, significato espressivo, simbolico e culturale del colore nelle varie espressioni artistiche Inglese: traduzione e presentazione in inglese degli argomenti trattati nelle varie discipline

Attività e metodologie: • Acquisizioni di nozioni sull’argomento allargato alle materie coinvolte • Formazione di gruppi di lavoro per organizzare le slide per la presentazione del progetto • Presentare le slide anche in inglese

Tempi: • Nei mesi di gennaio/febbraio gli alunni si sono dedicati alla acquisizione di informazioni sui vari contenuti da sviluppare • a marzo hanno predisposto il lavoro da presentare • ad aprile il lavoro è stato sottoposto agli insegnanti • a maggio la realizzazione definitiva della presentazione Organizzazione spaziale: • acquisizione personale delle informazioni di base • organizzazione del lavoro sia autonomo sia in classe Strumenti per l’osservazione e la valutazione: • relazioni di ogni gruppo di lavoro • Power Point della classe come prodotto finale

 

Annunci